© 2019 Rotary Club Urbino

Via Ca' Frate, 3 - Loc. Crocicchia - 61029 - Urbino (PU)

c/o Ristorante Nenè

C.F. 91009230417

La Joëlette

Grazie al Rotary, con l’esperienza del campus, alcuni anni fa ho avuto la possibilità di avvicinarmi al mondo della disabilità ed ho conosciuto tante persone dinamiche e entusiaste della vita. Ne sono nate tante piccole altre occasioni, tra queste la partecipazione al corso per guidare la joelette e con esso tanti preziosi incontri. La joelette è uno strumento semplicissimo: ha una ruota al centro e tanti amici attorno. E' tutto quello che serve per superare le barriere che non possono essere abbattute. Un ulteriore mezzo per colmare le distanze, fisiche e umane. Grazie al rotary, alla tenacia di Michele Papi e alla fiducia del consiglio del suo anno siamo riusciti a contribuire all’acquisto di questo mezzo da parte del parco Sasso Simone Simoncello, che va così a completare una dotazione di 5 joelette nel territorio provinciale. Per questo progetto oltre al Rotary si sono messi insieme le competenze, i contributi e la passione degli amici di urbinonfoot, dei tre parchi della provincia, dell'associazione "casa oz", del Rotary Club, del comune di Urbino, del CAI Montefeltro, della pro Urbino. Grazie al rotary e all’ assessore alle politiche sociali del comune di Urbino la consegna è stata fatta in una splendida cornice. Con il contributo di urbinonfoot abbiamo deciso infatti di organizzare un percorso di trekking urbano durante il quale a Urbino quattro joelette hanno superato brillantemente la prova di un centro storico UNESCO arroccato tra due colli.

Il trekking urbano è durato due ore, nelle quali ci siamo divertiti a scegliere i percorsi più impervi e suggestivi: attraverso la pineta, su e giù per piole e scalette, sulle mura, per i vicoli, attraverso i cortili dei palazzi. Ringraziamo soprattutto Chicca, Cri, Sofia e Anita, che ci hanno dato fiducia salendo sulle joelette guidate da scalpitanti Renne. I loro volti ritratti nelle foto descrivono meglio di qualsiasi parola le emozioni che abbiamo condiviso. 

La joelette non è un traguardo, è una meravigliosa scoperta interminabile. La voglia di ritrovarsi ancora insieme di studiare mille altri percorsi, di condividere sogni e fatica. 

 

Raffaella Vagnerini